Cos’è l’Isola

L’ isola bergamasca è un territorio posto ai margini occidentali della provincia di Bergamo.

Geografia

Il territorio ha una forma triangolare capovolta, la cui base è rappresentata, a nord, dal monte Canto, mentre i due lati sono rappresentati dal fiume Brembo e Adda, con il primo che si fonde nel secondo.


« …l’isola, nitidamente scandita tra Adda e Brembo… »

(documento della Serenissima, XVI secolo)

La zona si estende su una superficie prevalentemente pianeggiante di origine alluvionale, anche se a nord sono presenti alcune piccole formazioni collinari.
I comuni compresi sono ben 21: Ambivere, Bonate Sopra, Bonate Sotto, Bottanuco, Brembate di Sopra, Brembate, Calusco d’Adda, Capriate San Gervasio, Carvico, Chignolo d’Isola, Filago, Madone, Mapello, Medolago, Ponte San Pietro, Presezzo, Solza, Sotto il Monte, Suisio, Terno d’Isola e Villa d’Adda, per un totale di oltre 102 chilometri quadrati ed una popolazione che supera i 90 mila abitanti (censimento 2001), con un’alta densità abitativa, pari a circa 900 abitanti per chilometro quadrato.
Il comune più popolato è Ponte San Pietro, mentre Solza è quello con meno abitanti.

Storia

La zona dell’isola ha sempre mantenuto una propria precisa identità, e tutti i paesi che la compongono hanno in genere seguito lo stesso destino politico.
I primi insediamenti stabili si verificarono in epoca romana, quando i conquistatori istituirono una circoscrizione territoriale denominata “Pagus Fortunensis”. In quel periodo storico la zona dell’isola fu interessata da notevoli flussi commerciali e militari, vista la presenza di due strade di comunicazione che delimitavano il territorio: quella tra le città di Bergamo e di Milano a sud, ed un’altra che univa il capoluogo orobico a Como a nord.
Con il termine dell’impero romano i borghi dell’isola furono soggetti alle incursioni barbariche, che portarono anni di saccheggi e terrore tra la popolazione. Nel VI secolo la situazione politica si stabilizzò grazie all’arrivo dei Longobardi prima, e dei Franchi poi. Questi sfruttarono la crescente importanza di questi territori, dovuta anche alla possibilità di navigare l’Adda risalendo fino al lago di Como, da cui era possibile poi raggiungere il centro Europa. Il fiume inoltre intersecava il passaggio con le sopracitate strade di collegamento tra Bergamo e le città di Milano e Como, garantendo grande vitalità commerciale.
In questo periodo storico i territori vennero posti sotto la giurisdizione della chiesa plebana di Terno, considerato il borgo principale dell’isola: in tal senso preziosa è una testimonianza scritta che, risalente al 774, attesta il nuovo ordinamento. Tuttavia nel tardo Medioevo questa posizione geograficamente e commercialmente favorevole si rivelò un elemento profondamente destabilizzante, vista la volontà delle varie signorie di ottenere il predominio sulla zona: numerose battaglie tra guelfi e ghibellini, ed in seguito tra gli eserciti del milanesi e veneziani, misero a dura prova la popolazione, che visse secoli di povertà, tanto che l’isola venne definita “il triangolo della fame”.
In tal senso molto chiara è la descrizione in un documento del tempo:

« Qui non vi sono trafichi nè mercantie, le persone sono povere lavoradori da terre et bracenti, quali non raccogliono a pena grani per il loro vivere; et questi non hanno alcun privileggio ma sottoposti a tutte le gravezze et a datii… ».

La situazione parve migliorare con l’arrivo della Repubblica di Venezia, che inserì la zona nel distretto denominato Quadra dell’isola con capoluogo Terno, anche se le incursioni degli eserciti di ventura non erano affatto sporadiche. Venne effettuato il primo censimento degli abitanti, che nel XVI secolo arrivavano ad un numero pari a diecimila.

« Si chiama Isola per esser da due bande circondata et divisa dal Brembo e dall’Adda e dai monti, i monti sono dalla parte di tramontana; il Brembo da levante, l’angolo di Brembate di Sotto, et da mezzo di l’Adda da ponente »

(Giovanni Da Lezze, capitano della Serenissima, 1596)

Ai veneziani subentrò la Repubblica Cisalpina, subito sostituita però dagli austriaci, che la inserirono nel Regno Lombardo-Veneto, considerando Chignolo capoluogo.
Con l’unità d’Italia avvenne un primo ma deciso processo di industrializzazione, che permise un notevole miglioramento delle condizioni di vita degli abitanti. Un altro censimento, risalente al 1861 (anno che sancì l’inizio del Regno d’Italia), vide la popolazione aumentata fino a raggiungere la considerevole cifra di 26.519.
La popolazione continuò a crescere anche nei decenni successivi, spinta da un sempre più deciso incremento industriale che ha portato l’isola ad essere attualmente una delle zone a più alto reddito d’Italia.


(tratto da Wikipedia)

Annunci

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: